Informazioni su STEP-IN.

MIGLIORARE L’EFFICIENZA ENERGETICA E I LIVELLI DI COMFORT.

Il progetto sviluppa un’innovativa metodologia globale volta ad analizzare e contrastare in modo efficace la povertà energetica. STEP-IN ha identificato tre luoghi europee altamente impegnativi, con diverse peculiarità: una zona montuosa in Grecia, una zona rurale in Ungheria e una zona urbana con alloggi di bassa qualità nel Regno Unito. All’interno di ciascuna di queste aree vi è una fascia di consumatori vulnerabili. In ognuna di queste aree è stato istituito un Living Lab che riunisce esperti locali e stakeholders con consumatori affetti da povertà energetica. I Living Labs consistono in una serie di approcci, tra cui energy cafès, visite di consulenza e uso di strumenti ICT. Gli strumenti ICT forniti da STEP-IN supportano i consumatori, i consulenti e le organizzazioni locali degli stakeholder nel prendere decisioni efficaci.

L’enfasi di STEP-IN è sul miglioramento della qualità della vita delle persone attraverso il mantenimento o il miglioramento dei livelli di comfort, incoraggiando allo stesso tempo un utilizzo più efficiente dell’energia.

Rod McCall

Coordinatore STEP-IN, Luxembourg Institute of Science and Technology

High voltage circuit breaker in a power substation
Close Up Of Man Setting Economy Cycle On Dishwasher
Senior Couple Meeting With Male Financial Advisor At Home
Thermal insulation of windows
Burning bulb shines weakly on the background blurred yellow lights
Senior Woman Trying To Keep Warm Under Blanket At Home Looking Off Camera
Black power plug and money - concept of cost of energy
cooking coffee on gas stove
Final notice bill, either you pay or power will be turn off
Street light / power cables in down town Africa
Woman accountant or bank worker uses calculator.
PER SAPERNE DI PIÙ

La povertà energetica è un problema grave e crescente in Europa che solo recentemente ha iniziato ad attirare un’attenzione più ampia. Per molti anni, le cause comuni della povertà energetica sono state individuate in: (i) redditi bassi; (ii) scarsa efficienza termica delle abitazioni e scarsa efficienza energetica dei sistemi di riscaldamento e raffreddamento e degli elettrodomestici; (iii) prezzi elevati dell’energia.

STEP-IN mira ad avere un impatto a lungo termine nel settore della povertà energetica, in quanto si impegna in politiche a livello locale, nazionale e dell’UE. Il progetto sviluppa strumenti e una tabella di marcia per ricercatori, professionisti e organizzazioni che operano nel settore; strumenti che consentono l’identificazione di nuovi settori di ricerca e di aspetti che richiedono ulteriore sviluppo e politici. Da un punto di vista a più lungo termine, STEP-IN attraverso dei report metterà in evidenza il ruolo dei programmi di Fonti energetiche rinnovabili e li abbinerà agli approcci di finanziamento appropriati per ogni Living Lab. Coinvolgerà inoltre i principali stakeholders e i decisori politici al fine di apportare benefici a lungo termine alle comunità che si trovano in condizioni di povertà energetica, fornendo approcci sostenibili o attraverso iniziative politiche. STEP-IN mira a portare risultati direttamente a coloro che lavorano con i consumatori che si trovano in condizioni di povertà energetica e a coloro che influenzano la politica; risultati che durino molto tempo dopo la conclusione del progetto.

POVERTÀ ENERGETICA IN EUROPA.

European 220 volt plug and chart

INFORMAZIONI E INDICATORI.

In termini generali, la povertà energetica è definita come una situazione in cui una famiglia non è in grado di raggiungere livelli sufficienti di servizi energetici (come riscaldamento, raffreddamento e illuminazione).

Secondo l’Osservatorio UE sulla povertà energetica (EPOV), “La povertà energetica è un concetto multidimensionale che non è facilmente rappresentabile attraverso un singolo indicatore”. Per misurare la povertà energetica e visualizzare la questione da diverse prospettive, a seconda del contesto, delle circostanze del paese e delle famiglie, vengono utilizzati in combinazione quattro indicatori principali:

%

ARRETRATI sulle bollete (MEDIA UE, 2016)

%

INCAPACITÀ DI MANTENERE LA CASA ADEGUATAMENTE CALDA (MEDIA UE, 2016)

%

Elevata percentuale DEL DISPENDIO ENERGETICO IN ENTRATA (MEDIA UE 2010)

%

POVERTÀ ENERGETICA NASCOSTA (MEDIA UE, 2010)

Send us a message

Share This